Stampa
Categoria: News
Visite: 1209

Durante gli anni di insegnamento e pratica delle arti marziali abbiamo assistito a cambiamenti importanti non solo nei bambini ma anche negli adulti.

Dopo qualche anno di pratica al Dojo avviene una magia, un processo che si innesca in modo automatico, una molla che scatta dentro di noi e ci sussurra… “Ora sei forte”.
Succede a tutti, anche a noi maestri: dopo anni di pratica si assiste ad un cambiamento importante della propria autostima.

Come cambia l'autostima con la pratica delle arti marziali

La voglia di salire sul tatami e di acquisire nuove conoscenze porta i praticanti a partecipare con dedizione alle lezioni, accrescendo il bagaglio tecnico e coordinativo giorno dopo giorno.
Nella fase iniziale il corpo impara a muoversi, ad essere ben allineato, l'equilibrio si stabilizza fino a quando l'armonia nei movimenti ci avvolge in una dolce danza. 

I "Tai Sabaki" iniziano a prendere forma e capiamo come spostarci per evitare gli attacchi ed assumere una posizione vantaggiosa per contrattaccare.
Lo sguardo, inizia a percepire le intenzioni dell'avversario e stimola la nostra mente ad elaborare una risposta ben definita.
I numerosi "Atemi" ci danno modo di colpire da varie angolazioni e con molte parti del nostro corpo.
Acquisiti i principi del "Kansetsu Waza" ci rendiamo conto che con le leve articolari riusciamo a fronteggiare anche il più forte degli avversari rendendolo inerte con il minimo dello sforzo.
Le tecniche di "Nage Waza" ci danno la possibilità di scaraventare a terra l'avversario. Non importa se è pesante, più alto o più basso: dopo anni di pratica siamo in grado di scegliere la tecnica più efficace per ogni tipologia di avversario.

Ora siamo pronti a muoverci, ma se ci afferrano, se ci strangolano, o ci prendono da dietro?

Qui entra in gioco la tecnica, il “Kata” cioè l'insieme degli elementi prima elencati.
 Le simulazioni di attacco, studiate nel tempo e ripetute durante l'anno, innescano l'automatismo di autodifesa.

Il corpo risponde in maniera automatica mentre la mente è addestrata ad affrontare la situazione, le emozioni sono concentrate verso l’unico scopo di portare la pelle sana e salva a casa.

La nostra AUTOSTIMA È ALTA.
Sono pronto a reagire e se la persona che ho di fronte vuole farmi del male cercherò il modo migliore per fargliene il meno possibile.